Indagine Economica EURATEX L'industria europea del tessile e dell'abbigliamento (T&A) esce dalla crisi Covid19 e affronta nuove sfide future.

 

Bruxelles, 11 ottobre 2021 – Gli ultimi dati economici confermano un'ulteriore ripresa del settore tessile-abbigliamento. Questa ripresa può tuttavia essere danneggiata a causa dei problemi di approvigionamento  di materie prime ed energia.

 

Gli ultimi dati economici sull'industria europea del T&A confermano un'ulteriore ripresa dalla pandemia. L'attività tessile ha ora superato il livello pre-pandemia rispetto al quarto trimestre 2019 (+3,6%); il settore dell'abbigliamento resta ancora a -11,5%, ma continua a migliorare.

In termini trimestrali, il fatturato dell'UE ha mostrato segnali di miglioramento in tutto il settore. Il fatturato tessile è aumentato del +3,3% nel secondo trimestre del 2021, dopo una leggera contrazione nel primo trimestre del 2021. Analogamente, l'attività commerciale nel settore dell'abbigliamento è cresciuta del +7% nel secondo trimestre del 2021, dopo essere aumentata del +1% nel trimestre precedente.

 

Nel secondo trimestre 2021, la bilancia commerciale dell'UE-27 per il T&A è migliorata, grazie soprattutto a un aumento delle vendite all'esportazione nei mercati terzi e a un calo delle importazioni tessili. L'export T&A Extra-UE è cresciuto del +49% rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente. Le importazioni di T&A Extra-UE sono diminuite del -26% rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente, a seguito di un calo delle importazioni da alcuni dei principali paesi fornitori. Le importazioni dell'UE dalla Cina e dal Regno Unito sono crollate a causa di una combinazione tra Brexit e domanda più debole in Europa.

Nel secondo trimestre del 2021 la creazione di posti di lavoro si è lentamente stabilizzata nell'industria tessile (-0,2% t/t), mentre l'occupazione nel settore dell'abbigliamento ha continuato a risentire dei minori livelli di attività produttiva nell'industria nella prima parte dell'anno (- 1,2%). Rispetto al livello pre-pandemia nel quarto trimestre del 2019, l'occupazione nell'UE nel secondo trimestre del 2021 era ancora inferiore del 4,4% nei tessili e dell'11,8% nell'abbigliamento.

Tuttavia, questa fragile ripresa è ostacolata dall'aumento dei costi di spedizione e dall'aumento dei prezzi delle materie prime e dell'energia. Il costo dell'energia, in particolare del gas, è aumentato di oltre 3 volte dall'inizio di quest'anno. Dall'annuncio del pacchetto UE "Fit for 55", abbiamo visto i prezzi della CO2 salire sopra i 60 €. Ciò ha inevitabilmente un impatto sulla competitività del settore, soprattutto in un contesto globale. La futura ripresa è minacciata anche da alcuni fattori che limitano la produzione, come la carenza di forza lavoro e attrezzature, che stanno esercitando ulteriore pressione sulle industrie T&A.

ll direttore generale Dirk Vantyghem ha commentato:  “Le nostre imprese hanno dimostrato grande resilienza durante la pandemia, le loro più recenti performance in termini di export rappresentano un incoraggiante segnale di recupero. Questo recupero può, tuttavia, essere penalizzato da recenti problemi connessi alla supply chain e ai costi dell’energia. Ancora una volta, sviluppi recenti mostrano che questa transizione verso una produzione più sostenibile può solo funzionare se organizzata in un contesto globale, evitando una delocalizzazione della produzione e assicurando un efficace “level playing field”. Questo deve essere preso in considerazione nella imminente EU Textiles Strategy”

 

 

EURATEX

 Voce dell'industria tessile e dell'abbigliamento europea, EURATEX lavora per creare un ambiente favorevole all'interno dell'Unione europea per la progettazione, lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti tessili e di abbigliamento.

L'industria tessile e dell'abbigliamento dell'UE, con circa 160.000 aziende che impiegano 1,5 milioni di lavoratori, è un pilastro essenziale dell'economia locale in molte regioni dell'UE. Con oltre 61 miliardi di euro di esportazioni, l'industria è un attore globale che commercializza con successo prodotti ad alto valore aggiunto sui mercati in crescita di tutto il mondo.

Lavorando insieme alle istituzioni dell'UE e ad altre parti interessate europee e internazionali, EURATEX si concentra su priorità chiare: una politica industriale ambiziosa, ricerca efficace, innovazione e sviluppo delle competenze, commercio libero ed equo e catene di approvvigionamento sostenibili.

 

 

Pubblicato in Comunicati stampa

LOGIN

Accedi all'area soci